students

Libro di corso

Daniele Fusi, Informatica per le scienze umane, Roma 2012. Il testo risente naturalmente della precoce obsolescenza delle tecnologie, ma integrazioni sono fatte a lezione e tutta la parte introduttiva e teorica rimane fondalmentalmente valida. NOTA: il capitolo 3 (HTML) si deve sostituire con le dispense di una sua versione aggiornata, scaricabile dal sito istituzionale della Sapienza: http://www.lettere.uniroma1.it/node/25282.

Volume I

Volume I
Il volume presenta elementi e tecnologie essenziali per una panoramica dei principali strumenti a disposizione dell'umanista e di chiunque desideri orientarsi senza specifiche competenze nell'ambito di progetti digitali di edizione e ricerca. Dai concetti di base ai sistemi di rappresentazione digitale del testo si giunge alle tecnologie su di esso basate (HTML, CSS, XML, etc.), fino ai database relazionali e a un breve sguardo al futuro prossimo del web semantico.

Volume II

Volume II
Un secondo volume (Modelli) illustra e svolge alcuni principi metodologici emergenti dall'introduzione (volume I) con l'illustrazione di alcuni concreti progetti realizzati dall'autore: lessicografia digitale, edizione digitale degli Initia Hymnorum ecclesiae Graecae, edizione digitale delle lettere agli Italiani di Theodor Mommsen, epigrafia digitale (Cadmus).

Programmi freeware

Selezione di programmi didatticamente utili

Editor esadecimale

 Un editor esadecimale (hex editor) è un programma che consente di visualizzare e manipolare i dati numerici che costituiscono qualsiasi file. La tipica visualizzazione rappresenta ogni byte con due cifre esadecimali in un pannello centrale, di solito a gruppi di 8, cui corrisponde in un pannello laterale il carattere rappresentato dal valore del byte nella codifica ASCII. Naturalmente quando non si tratti di testo (o si tratti di testo con codifiche non compatibili) quanto apparirà è solo garbage text, cioè una serie di numeri che interpretati come caratteri non danno senso in quanto effettivamente caratteri non sono.

Un buon editor esadecimale freeware è Free Hex Editor Neo.

ASCII Art

 Il programma AscGen2 rappresenta una qualsiasi immagine come un testo contenente caratteri ASCII scelti in modo da delinare i tratti essenziali dell'immagine stessa. Ovviamente oggi si tratta solo di una curiosità, ma è un modo simpatico per rendersi conto della situazione illustrata nel corso a proposito dell'evoluzione delle codifiche testuali in rapporto alla disponibilità di risorse grafiche (cfr. Informatica per le scienze umane volume I, cap.2).

UniSpy

 UniSpy è un mio programma che consente di esplorare i principali aspetti dell'ultima versione dello standard Unicode: caratteri e loro attributi, codici, simboli preferiti, codifiche testuali precedenti, basi numeriche, etc. (cfr. Informatica per le scienze umane volume I, cap.2).

XPathQuery

 XPathQuery è un semplicissimo programma che ho scritto anni fa per mostrare ai miei studenti gli elementi essenziali di XML, XSLT e XPath.

È possibile scaricare dei file di esempio creati per mostrare un semplice dialetto XML inventato per rappresentare gli studenti di una classe, e la trasformazione dei dati in HTML+CSS, Rich Text Format e plain text a mezzo di tre diversi script XSLT (cfr. Informatica per le scienze umane volume I, cap.4).

Informazioni didattiche

Raccolgo in questa pagina indicazioni generali specie per gli studenti non frequentanti. Per dettagli e peculiarità di ogni corso ci si accerti comunque di riferirsi anzitutto ai siti istituzionali dell'Università, che conterranno in tal caso le informazioni più corrette e aggiornate.

Numero di CFU

Al massimo posso fornire 8 CFU, sommando moduli da diversi CFU. I singoli moduli sono consultabili sul sito di Facoltà alla sezione didattica, e i con relativi appelli di esame su Infostud, e corrispondono a 2, 4 o 6 CFU (alcuni solo per determinati corsi di laurea). I dettagli dipendono dal corso di laurea dello studente, dal suo piano di studio e dal suo ordinamento, per cui in caso di dubbi è opportuno rivolgersi direttamente al proprio tutor, al responsabile del corso di laurea, o a chi si occupa di didattica in Presidenza.

Certificazioni che valgono per l'idoneità (ECDL etc.)

La prassi stabilita dalla maggioranza dei corsi di laurea, che quindi seguo malgrado l'incoerenza rispetto alla natura dei miei corsi e alla non completa equità di trattamento degli studenti, è che l'ECDL, e solo esso, vale per ottenere l'idoneità da 2 CFU, a condizione naturalmente che essa sia spesa solo una volta. Pertanto, se si ci si è già avvalsi dell'ECDL per superare un'altra idoneità, esso non può essere ripresentato.

Natura generale dei corsi

In generale i miei corsi non sono orientati alla pratica, ma sono corsi teorici sulle tecnologie informatiche di uso umanistico e sulle loro applicazioni in progetti reali di ambito scientifico o commerciale. Tranne la diversa difficoltà nella preparazione , non ci sono di norma (a meno di corsi più specializzati) differenze tra frequentanti e non.

Laddove possibile, è comunque vivamente consigliata la frequenza proprio per rendere lo studente in grado di cogliere i concetti portanti dei corsi, al di là dei dettagli o dei tecnicismi, magari facili da reperire anche altrove. Nei corsi dove poi sia presente una parte pratica la frequenza è poi ancora più necessaria per chi non abbia le capacità richieste dallo specifico programma di esame. In generale, una buona preparazione è molto più difficile da ottenere se non si è in grado di raggiungere una visione d'insieme degli argomenti, che illuminano tutti da diversi punti di vista alcuni essenziali principi metodologici e teorici ardui da cogliere da singole pubblicazioni.

Per motivi analoghi non sono accettabili testi diversi da quelli indicati nel programma, magari acquisiti dallo studente per altri esami di area disciplinare affine ma non sostenuti. Il taglio didattico dei miei corsi si riferisce infatti a un'accezione molto specifica e piuttosto specialistica dell'informatica umanistica, che non ha molti riscontri in testi pure relativi allo stesso (assai vasto) ambito disciplinare. Ci si può riferire all'introduzione ai stampata all'inizio di entrambi i miei volumi per maggiori chiarimenti.

Programma per non frequentanti

Nelle seguenti sezioni indico il programma di esame, a seconda dei CFU richiesti dallo studente. Ogni sezione successiva costituisce un'aggiunta al programma della precedente, che rappresenta quindi una precondizione necessaria. Ad esempio quanto rubricato sotto 4 CFU va preparato in aggiunta a quanto indicato sotto 2 CFU, e così di seguito.

Base: 2 CFU

Il testo fondamentale è il primo volume del mio libro Informatica per le scienze umane, reperibile presso varie librerie anche online. Si tratta di una sorta di collezione di dispense del tipico corso introduttivo e consiste di 2 volumi, ma per 2 CFU serve solo il primo (si vendono separatamente), di cui vanno preparati i primi 4 capitoli, fino a XML incluso).

In generale (e questo vale anche per il secondo volume), si tenga sempre presente la necessità di studiare il testo con spirito critico; alcuni capitoli possono sembrare relativamente estesi perché più ricchi di esempi rispetto alle lezioni tenute durante il corso, proprio a beneficio di un pubblico di lettori piuttosto che di ascoltatori: la preparazione non richiede certo che si debba memorizzare ogni dettaglio, e laddove questi appaiono sono funzionali alla comprensione del concetto generale. Non interessano mai i dettagli in sé, ma solo la natura delle varie tecnologie citate: a che scopo si usino, che vantaggi e svantaggi presentino, come si sono evolute, come si integrano con altre tecnologie con cui mostrano somiglianze e differenze, su quali principi operativi e teorici si basino, etc.

Aggiunte per raggiungere 4 CFU

Per 4 CFU si aggiungano 2 capitoli del primo volume (database e web semantico), o a scelta dello studente, anche dal secondo. Nel secondo volume, l'ultimo capitolo ha un'estensione che lo rende quantitativamente equivalente a 2 altri capitoli, per cui esso viene fatto valere per 2 ed è quindi sufficiente da solo per i 2 CFU aggiuntivi.

Aggiunte per raggiungere 6 CFU

Per 6 CFU si aggiungano altri 2 capitoli a scelta come indicato nella precedente sezione, sempre contando l'ultimo capitolo del secondo volume per 2 date le sue dimensioni.

Aggiunte per raggiungere 8 CFU

Per 8 CFU si aggiungano altri 2 capitoli a scelta come indicato nelle precedenti sezioni, sempre contando l'ultimo capitolo del secondo volume per 2 date le sue dimensioni.

Prenotazione

Per la prenotazione è essenziale far attenzione su Infostud alla dicitura completa dell'esame: molti dei miei corsi appaiono con lo stesso titolo ma in due varianti, una con votazione in trentesimi, per il settore INF/01, e l'altra come semplice idoneità (AAF). La differenza si evidenzia su Infostud guardando alla dicitura del settore:

voto in trentesimi:
settore INF/01.
semplice idoneità:
settore ---.

Non di rado inoltre Infostud non rubrica un modulo sotto l'esatto corso di laurea dello studente, ma se i dati del modulo (anzitutto CFU e settore) corrispondono a quelli del piano di studio e all'ordinamento in cui si è iscritti, si può ugualmente prenotare e sostenere l'esame; sarà poi verbalizzato anche se con la dicitura appartenente a un altro corso di laurea.

In casi di ordinamenti peculiari o corsi di laurea diversi da quelli dell'ex Facoltà di Lettere (es. Filosofia o Lingue) può invece accadere che la prenotazione online sia del tutto impossibile; in tal caso o si tratta di un semplice limite del sistema informatico, cui si può ovviare con una verbalizzazione sostitutiva, o in effetti l'esame non è compatibile con il piano di studio dello studente. Nel primo caso si può evitare di prenotarsi e presentarsi direttamente il giorno dell'appello; nel secondo invece non è possibile dare l'esame. Nel dubbio rivolgersi al proprio tutor, al responsabile del corso di laurea, o a chi si occupa di didattica in Presidenza; le variabili e i regolamenti sono tanto numerosi e spesso aggiornati, sicché non sono in grado di fornire indicazioni certe agli studenti in questi casi ed è bene che per evitare eventuali problemi in Segreteria essi accertino prima la situazione per proprio conto.

Svolgimento dell'esame

Tranne diversa indicazione o motivate esigenze personali gli esami sono in forma scritta, con un quiz a risposta chiusa. La forma scritta è anzitutto dettata dalla necessità di soddisfare le esigenze di tutti gli studenti che si presentano agli appelli con il legittimo desiderio di non vedersi rimandare l'esame a giorni di distanza a causa del numero elevato degli studenti. La sede degli esami varia in funzione della disponibilità delle aule, ma gli studenti possono riunirsi poco prima dell'orario di inizio (di norma le 10:00) al primo piano dell'edificio della ex Facoltà di Lettere, di fronte alla stanza (stanza, non aula) 4.

A seconda dei corsi possono darsi altre modalità di valutazione per gli studenti frequentanti, incluse esercitazioni pratiche con tecnologie apprese a lezione.

Data l'alta frequenza agli esami, si pregano vivamente gli studenti di prenotarsi solo se davvero intenzionati a sostenere l'esame; in caso contrario si danneggiano anzitutto i propri colleghi, cui non mi è possibile indicare neppure orientativamente giorno e orario del loro esame finché non sia noto il vero numero dei presenti all'appello.